2024/ 21 Gen – Sant’Agnese

Il culto di sant’Agnese è già presente a Roma nella prima metà del IV secolo, incentrato sulla giovane età della martire, attestato dal calendario romano del 354, e dagli antichi sacramentari romani. Inoltre si hanno su di lei numerose testimonianze di grandi Padri, come Ambrogio (che compose un inno in suo onore), Prudenzio, Girolamo e Agostino.

Secondo la tradizione latina, Agnese sarebbe stata una giovinetta martirizzata sulla via Nomentana per la sua testimonianza eroica, dopo vari tormenti. È stata considerata una delle più illustri martiri della Chiesa, meritando di essere iscritta nel Canone romano, la principale preghiera eucaristica della Chiesa. È anche nota per una tradizione collegata al conferimento del pallio, da parte del Papa, ai metropoliti.
I canonici di S. Giovanni in Laterano, che servono la basilica di S. Agnese, benedicono ogni anno due bianchi agnelli nel giorno natalizio della santa; con la loro lana vengono confezionati i pallii, che il Papa dona agli arcivescovi per indicare che anch’essi, come Agnese, devono essere pronti a dare
la vita per la Chiesa, sposa di Cristo.

2024/ 14 Gen Qual è il significato della Domenica della Parola di Dio?

È racchiuso «in una profonda convinzione di Papa Francesco: perché la fede sia matura, occorre “far emergere il posto centrale della Parola di Dio nella vita ecclesiale…”. “Non si tratta di aggiungere qualche incontro in parrocchia, ma di verificare che nelle abituali attività delle comunità cristiane, nelle parrocchie, nelle associazioni e nei movimenti, si abbia realmente a cuore l’incontro personale con Cristo che si comunica a noi nella sua Parola”.
Nell’ultima catechesi del mercoledì del 2022, Papa Francesco è tornato sul tema sottolineando come «per il credente, la Parola di Dio non è semplicemente un testo da leggere, la Parola di Dio è una presenza viva, è un’opera dello Spirito Santo che conforta, istruisce, dà luce, forza, ristoro e gusto di vivere».
Da qui l’invito ripetuto del Santo Padre, ormai noto come una della sue raccomandazioni principali:
«Prendiamo il Vangelo, prendiamo la Bibbia in mano: cinque minuti al giorno. Portate un Vangelo tascabile con voi e leggete un po’, durante la giornata, lasciate che la Parola di Dio si avvicini al cuore.

2023/ GITA A CHIOGGIA

VISITA A CHIOGGIA IL 12 NOVEMBRE

Gita a Chioggia_12nov23, Scarica depliant

Le Parrocchie di Sant’Andrea Apostolo e Sant’Agnese V.M.
Organizzano per domenica 12 novembre 2023 un viaggio a Chioggia – “La piccola Venezia”
Una visita guidata al centro storico alla scoperta di Ponti e Palazzi fra calli, campi e canali. Il Campo Duomo con la Cattedrale, il Corso del Popolo e Piazza Vigo.
Nel pomeriggio, visita alla interessantissima mo-stra internazionale “The Mistery man” “Un viaggio immersivo e unico per conoscere per la prima volta nella storia il volto e il corpo iper-realistico e tridimensionale del misterioso uomo della Sacra Sindone, mai realizzato da nessuno prima d’ora. La suggestiva esposizione è ospitata all’interno degli spazi della Chiesa di San Domenico a Chiog-gia, (VE), luogo pieno di arte e storia…”

(vedi l’articolo completo  ).
Le iscrizioni si raccolgono in canonica dalle ore 9:30 alle ore 13:00 (da lunedì a giovedì) oppure presso l’Oratorio San Pio X dalle 14:30 alle 18:30 (da lunedì a sabato). ENTRO IL 15 OTTOBRE 2023!!!

2023\ Attenzione, si prega di non lasciare materiale davanti alla canonica

Capita spesso di trovare borse piene di indumenti, lasciate per terra all’esterno della porta della canonica (Corso Martiri della Libertà) o della Caritas (Via Pio X); spesso si rovesciano o si bagnano alla pioggia, danno l’impressione di essere sacchi di immondizia abbandonata; possono rimanere fuori anche dei giorni prima che qualcuno se ne prenda cura.

Non è assolutamente un modo di fare rispettoso verso i volontari della Caritas che gratuitamente prestano il loro tempo negli orari e nei giorni stabiliti e nei confronti soprattutto dei poveri ai quali vogliamo dare dignità e rispetto donando loro indumenti puliti, selezionati e adeguati alle stagioni dell’anno: non possiamo, per esempio, raccogliere e donare maglioni e cappotti in piena stagione estiva. Non abbiamo spazio sufficiente per raccogliere tutto.

Se, per esempio, troviamo in piena estate una borsa sul marciapiede piena di giacche invernali, maglioni o coperte, non possiamo donarle e nemmeno metterle in magazzino perchè non c’è spazio dovendo dare precedenza agli indumenti estivi. Quindi cosa siamo costretti a fare? Dobbiamo buttare via tutto…non sapendo a chi restituire la borsa.
Chi vuole donare è pregato di telefonare e prendere contatto con i volontari, oppure venire direttamente in Caritas negli orari e nei giorni stabiliti, presentarsi e concordare i tempi e il tipo di indumenti che è possibile donare. La Caritas non è una discarica: c’è un dare e un ricevere rispettoso, fraterno e ricco di gratitudine; ci sono volti che si incontrano e mani che si stringono e si aiutano.

Se vedete persone che lasciano borse per terra, per favore intervenite. Grazie.

[panorama id=1377]

[panorama id=1377]