La vita dí quest’illustre prelato portogruarese appartiene più alla storia generale della Chiesa che ad una storia municipale. Chí vuole avere un’idea dell’azione diplomatica del Panciera, vissuta nell’epoca tristissima dello Scisma d’Occidente legga la dotta prefazione di Mons. Deganí al codice diplomatico.
Riassumiamo: il Panciera fece i suoi primi studi in Portogruaro e poi passò all’Università dí Padova , dove sí laureò in giurisprudenza. Recatosi a Roma abbracciò lo stato ecclesiastico e in seguito fu eletto Arcidiacono del nostro Capitolo Cattedrale. Chiamato a Roma dal Pontefice Bonifacio IX , assunse l’ufficio di Segretario dí Stato. Il 10 luglio 1393 gli venne conferito il vescovado dí Concordia. Indi, il 17 febbraio 1402, fu eletto Patriarca di Aquileia e, nel Concistoro del 5 giugno 1411 venne proclamato Cardinale. Intervenne nel 1413 al Concilio dí Costanza e con l’efficacia della sua prudenza e dottrina cooperò a ricondurre í dissidenti all’obbedienza del nuovo Papa Martino V. Morì a Roma il 5 luglio 1431 e fu sepolto in S. Pietro ín Vaticano.

Mons. Marco Belli