MOSTRA MISSIONARIA

Il mondo visto da un’altra prospettiva.
È un percorso educativo sui problemi dello sviluppo, della mondialità, dei diritti alimentari e delle problematiche tra nord e sud del mondo.
La Mostra è un vero e proprio viaggio interculturale attraverso diversi spazi e tematiche. I cinque sensi sono coinvolti attraverso immagini, parole e allestimenti tridimensionali che veicolano le esperienze di vita degli abitanti del nostro pianeta. Un percorso sensoriale e stimolante che conduce il visitatore a immergersi in differenti realtà del mondo e a scoprire aspetti sorprendenti e realtà toccanti.
“Un contributo allo sviluppo culturale, nella linea di quei valori di giustizia, solidarietà, responsabilità e pace, fondamentali nel contesto sociale italo-europeo” la definisce una delle organizzatrici dell’iniziativa.

2018/ Ott Nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

È stato nominato il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale (CPP) della Parrocchia Sant’Andrea Apostolo. Oltre al parroco e a don Tommaso Gradzki, il CPP è composto dai membri rappresentanti di quattro commissioni le quali lavoreranno ciascuna secondo il proprio ambito pastorale, ma sempre in dialogo fra loro.
In rappresentanza della Commissione Catechesi-Liturgia: Baradello Valentina, De Nigris Serena, Fantuzzo Renzo, Marchiò Barbara.
In rappresentanza della Commissione Giovani-Oratorio: Dal Tin Matteo, Della Bianca Carla, Vizzon Enrico.
In rappresentanza della Commissione Famiglia: Bajo Francesca, Pretto Simonetta.
In rappresentanza della Commissione Carità: Di Grande Concetta, De Luca fra Giorgio.
Vice presidente: Francesca Bajo.
Segretaria: Della Bianca Carla.

Ringraziamo di cuore tutti quelli che in questi anni nel CPP hanno regalato alla comunità tempo, energie e passione; grazie a coloro che hanno scelto di continuare e ai nuovi membri che hanno accettato volentieri di farne parte.

Siamo solo all’inizio: le Commissioni a breve si incontreranno, col tempo potranno crescere nel numero dei loro membri; dovranno imparare a lavorare con frutto dialogando fra loro e con la comunità parrocchiale. Il loro lavoro sarà portato in CPP, condiviso, verificato e, nelle possibilità di tempo e di risorse, attuato.
A tutti loro va il nostro grazie, la nostra fiducia e una speciale e continua preghiera.

2018/ 20 Apr Omaggio a don Tonino Bello

Chí è stato don Tonino Bello?
Un vescovo dalle scelte forti e coraggiose. Un prete, un parroco, un pastore scomodo. Monsignor Antonio Bello, per tutti “don Tonino” è stato un vescovo dalle scelte forti e coraggiose, ma profondamente innamorato di Gesù e della Chiesa. Sua l’espressione Chiesa del gtembiule, a testimoniare il dovere, la bellezza. di stare sempre dalla parte degli ultimi. Sempre sua la plastica immagine di convivialità delle differenze, definire lo stile del dialogo, fatto di ascolto e condivisione. Teologo e scrittore sensibilissimo, lo si ricorda anche per le bellissime pagine dedicate a Maria e per la forza con cui ha ribadíto più volte il proprio no alla guerra e alla corsa agli armamenti.

2018/ Apr ESORTAZIONE APOSTOLICA GAUDETE ET EXSULTATE

È stata presentata il 9 aprile l’esortazione apostolica in cui il Papa scrive di come si diventa santi (nella vita quotidiana). Non un “trattato” ma un invito a far risuonare nel mondo contemporaneo una vocazione universale, la chia-
mata a diventare santi. È questo l’obiettivo dichiarato di Papa Francesco per l’Esortazione apostolica Gaudete et exsultate. Si diventa santi vivendo le Beatitudini, la strada maestra perché “controcorrente” rispetto alla direzione del mondo. Si diventa santi tutti, perché la Chiesa ha sempre insegnato che è una chiamata universale e possibile a chiunque, lo dimostrano i molti santi “della porta accanto”. La vita della santità è poi strettamente connessa alla vita della misericordia, “la chiave del cielo”. Dunque, santo è chi sa commuoversi e muoversi per aiutare i miseri e sanare le miserie. Chi rifugge dalle “elucubrazioni” di vecchie eresie sempre attuali e chi, oltre al resto, in un mondo “accelerato” e aggressivo “è capace di vivere con gioia e senso dell’umorismo”. il titolo “Gaudete et exsultate”, “Rallegratevi ed esultate”, ripete le parole che Gesù rivolge “a coloro che sono perseguitati o umiliati per causa sua”, alla Chiesa prossima alla “carne di Cristo sofferente”. I 177 paragrafi sono un modo per “far risuonare ancora una volta la chiamata alla santità”, indicando “i suoi rischi, le sue sfide, le sue opportunità” (n. 2).

Esortazione ap. Gaudete et Exsultate documento in PDF