Parrocchie di S. Andrea e S. Agnese Portogruaro

Per tutti i cristiani la Quaresima è il tempo speciale, non solo a causa della preparazione alle Feste Pasquali, ma soprattutto grazie al suo clima liturgico: silenzioso e meditativo che permette a tutti di soffermarsi un po’ per riflettere sulla propria vita e rimetterla sui binari del Vangelo.

Le proposte quaresimali di preghiera e di condivisione non mancano. Gli appuntamenti tradizionali come: l’adorazione del Santissimo Sacramento, la Via Crucis, i vari incontri sulla Parola di Dio e le molteplici proposte del Mese dell’educazione sono stati arricchiti ancora di più attraverso gli eventi interparrocchiali e interdiocesani.

Durante le prime set150315_beataverginetimane di Quaresima i nostri ragazzi hanno partecipato ai due grandi appuntamenti giovanili. Il primo per tutti i cresimandi della Forania di Portogruaro-Fossalta si è svolto nella nostra città presso la Parrocchia della Beata Maria Vergine Regina. Vorremmo ora condividere con tutta la Comunità alcune impressioni dei nostri cresimandi:
La sera del lunedì 23 febbraio alle ore 20.30 nella chiesa della BMV si è svolto l’incontro di preghiera organizzato dal vescovo Giuseppe. Protagonisti di questa serata eravamo noi ragazzi, tra i 13-15 anni, che tra poco riceveremo questo importante sacramento. Le ragionevoli parole del Vescovo mi hanno fatto molto riflettere e pensare. Così, ho imparato che se non si fa la Cresima, si resta a metà cammino e non si riceve lo Spirito Santo. Esso è tanto importante nella vita di un cristiano, in quanto dà la forza per andare avanti nel lungo percorso della nostra vita. La preghiera è stata animata dai ragazzi delle diverse parrocchie che hanno letto e portato all’altare alcuni simboli: l’acqua, il pane, i fogli con scritte le proprie intenzioni per la cresima e un promo con cui alla fine i sacerdoti ci hanno unto le mani.
Mi è piaciuto molto perché ho riflettuto su aspetti molto importanti della vita e che mi hanno fatto crescere e pensare meglio al significato della cresima. È stato di rilievo soprattutto quando abbiamo riflettuto sugli impegni che ci siamo presi e che dobbiamo compierli in ottimo modo. Questa “avventura” mi ha emozionato, soprattutto dopo aver visto e parlato con il vescovo Giuseppe. La sua voce era ferma e potente, molto imponente a mio parere. Questo incontro non serviva solo per riunire i cresimandi ma anche per farci capire l’importanza dei doni dello Spirito Santo rappresentati in modo concreto così da rimanerci nella mente“.

Il secondo grande evento di questa Quaresima è stata l’annuale Festa dei Giovani a Jesolo, organizzata dai Salesiani domenica 1 marzo. Una trentina degli animatori del nostro PIO X così racconta l’esperienza vissuta in
occasione dei 200 anni dalla nascita di don Bosco:
Jesolo FDG, sempre una sorpresa bellissima. È uno di quegli eventi che si aspettano da mesi e mesi perché ogni volta regala qualcosa di diverso e magico. Qualcosa che non delude mai.
È emozionante vedere 10.000 ragazzi venuti da tantissime parrocchie per passare una giornata con persone nuove e soprattutto con Gesù. Musica, ospiti con diverse storie da raccontare e ragazzi gli ingredienti che rendono la prima domenica di marzo (data in cui ogni anno si svolge questo evento) una vera e propria bomba! Questa è una di quelle occasioni in cui sai che vai in un posto e hai il 90% di certezza di divertirti (il restante 10% è costituito dalla parte pessimista). Era la mia seconda volta alla FDG e posso affermare che è stata assolutamente all’altezza delle aspettative! Sarà stato per il fatto che le persone che sono venute via del nostro gruppo sono tutte fantastiche, sarà stato il sonno che devia i pensieri, ma a mio parere hanno proprio organizzato un evento con i fiocchi durante il quale non puoi fare altro che scatenarti come un folle e fare stupidaggini con persone sconosciute che ti danno corda. A mio parere la seconda volta che si partecipa ad uno stesso evento c’è sempre il rischio di restare delusi perché si paragona il presente con la passata esperienza di cui sicuramente si ha un più bel ricordo (come insegna anche Leopardi), in questo caso non è stato così anzi! Grazie di avermi dato la possibilità di partecipare e beh… non si sa mai che magari nei prossimi anni come presentatori saremo noi.

***

Il tempo di Quaresima non è ancora finito, anzi proprio adesso sta entrando nella sua pienezza.

Per mercoledì 11 marzo, presso l’Oratorio PIO X, alle ore 20.30 abbiamo preparato (per TUTTI) una serata durante la quale vorremmo presentare le riflessioni che in noi ha suscitato il servizio presso le varie mense dei poveri a Roma.

Sabato 28 marzo, in preparazione alla XXXI Giornata Mondiale dei Giovani a Cracovia nel 2016 sarà possibile andare a Maniago per un
incontro giovanile con il nostro Vescovo e già lì, un anno prima, sperimentare nel nostro piccolo la gioia dello stare insieme. Questi sono solo alcuni aspetti del volto giovanile della Quaresima.

   Per saper di più basta avvicinarsi al gruppo degli animatori del PIO X e fare il personale passo avanti.

d. Tommaso, i Cresimandi e gli Animatori