IL GRUPPO DEL CATECHISMO SI PRESENTA…
Salve! Siamo il gruppo delle catechiste delle parrocchie si S.Andrea e S.Agnese, formato da una ventina di persone di età varia, dai ragazzi delle superiori, come aiuti, alle nonne non più giovani.
I ragazzi iscritti anche quest’anno sono molti: raggiungono il numero 260 distribuiti dalla seconda della scuola primaria alla terza media.
L’obiettivo primo della catechesi dei bambini e dei ragazzi è l’educazione alla fede. Noi catechisti cerchiamo di conseguirlo attraverso gli incontri settimanali e alcune attività concrete con cui vogliamo accompagnare i fanciulli all’incontro con il Signore.
Gli incontri di catechismo in un anno sono molto pochi, tuttavia ci permettono di stabilire con i fanciulli un rapporto familiare ed affettivo e di instaurare con noi e con i compagni (che spesso sono gli stessi di scuola) un rapporto di comunione.
Le famiglie ce li affidano con tanta fiducia e ciò dice che nel cuore dei genitori c’è ancora il desiderio che i loro figli crescano in un ambiente sicuro e religioso. É molto importante per noi, creare una relazione, oltre che avere la loro fiducia.
Anche quest’anno, per cercare una soluzione alla difficoltà di incontrare i genitori alla sera dopo cena, la classe quarta della scuola primaria ha proposto periodicamente gli incontri dei genitori al sabato mattina, contemporaneamente all’incontro dei figli (orell-12). I genitori sono stati intrattenuti a volte dal parroco e a volte dalle catechiste su argomento parallelo a quello trattato con i loro figli. L’esperienza è stata positiva sia per l’elevato numero di genitori presenti, sia per il riscontro diretto avuto con alcuni di loro. Prossimamente vi racconteremo questa esperienza direttamente dalla testimonianza delle catechiste che l’hanno vissuta.
Ci rendiamo conto che il compito affidatoci dalla Chiesa è molto importante e difficile, ma non rinunciamo né davanti alle difficoltà, nè per il ridotto numero di catechisti, ma perché confidiamo nell’aiuto di Dio.
Restiamo in attesa che altre persone si affianchino a noi, sono sempre aperte le iscrizioni per diventare catechiste, vi aspettiamo!
Le catechiste

CATECHISTE di 4° ELEMENTARE
Questa settimana noi catechiste vogliamo condividere con voi l’esperienza vissuta quest’anno, di preparazione dei nostri bambini al sacramento della Prima Comunione. Quest’anno noi catechiste eravamo anche mamme e nonne di alcuni di questi bambini. Non vi nascondiamo di aver sentito il peso della responsabilità come educatrici nel seguire e accompagnare i bambini all’incontro con Gesù; abbiamo cercato di farli vivere nel modo più sereno questo momento, sapendo che sarebbe stato uno dei giorni più belli ed indimenticabili della loro vita. Sono state tante le domande che ci siamo poste per rendere la Prima Comunione un giorno speciale e d’incontro con Gesù, senza che prevalesse la festa, il vestito o i regali.
Con l’aiuto di Dio, dei sacerdoti e dell’esperienza della nostra cara Maddalena, che ci sostiene e ci supporta con la sua grande esperienza, tutto è andato per il meglio. La presenza dei bambini al catechismo è stata assidua e gli incontri con i genitori, seppur con qualche fatica legata alle diverse sensibilità ed esperienze, sono stati fonte di arricchimento per noi, spronandoci a cercare con loro modalità d’incontro nuove e più efficaci. Si è rivelato un successo fissare gli incontri con i genitori parallelamente alle lezioni di catechesi dei figli, evitando così le riunioni serali. Abbiamo avuto l’occasione di condividere insieme anche due momenti d’incontro che hanno saputo alternare divertimento e riflessioni sul vangelo e hanno contribuito a ‘creare gruppo’.
Il primo incontro è stato quello conviviale con tutti i 53 bambini tenutosi dopo la lezione di catechismo di un sabato mattina presso l’Oratorio di S. Agnese; il secondo invece è stato il ritiro spirituale di genitori e bambini presso il Santuario della Madonna di Fatima, dove attraverso la “lectio divina” sull’episodio dei discepoli di Emmaus, i genitori hanno meditato sul senso della presenza di Gesù-Eucaristia, che si fa compagno di cammino lungo la nostra vita. Siamo fortemente convinte che l’iniziazione Cristiana dei ragazzi necessiti dell’educazione alla fede svolta dalla famiglia, che deve essere coinvolta, sensibilizzata e formata. Abbiamo bisogno di occasioni di incontro e conoscenza perché cresca Io spirito comunitario e solidale.
Concludiamo con l’augurarci che questo cammino iniziato tre anni fa continui con lo stesso entusiasmo di quest’anno, sperando che i bambini restino uniti tra di loro e contribuiscano a formare la Nuova Chiesa fatta di gesti concreti intessuti di Vangelo come ci insegna Papa Francesco.