2019/ Ott 14 Avvisi della settimana

In evidenza:
– Avvisi Parrocchiali 13 -20 Ott
– 37° Itinerario di fede per fidanzati

___o * o___

Voci di Comunità – 13 Settembre 2019_XXVIII Domenica anno C TO

___o * o___

Commissione pastorale per la Famiglia e la Vita

37° Itinerario di fede per fidanzati
in preparazione alla vita e alla missione
nel Sacramento del matrimonio
(2019-20)
Centro Pastorale Seminario – Pordenone

Depliant fidanzati 2019-2020

___o * o___

 

 

 

 

2019/ Ott – 37° Itinerario di fede per fidanzati

DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE

Commissione pastorale
per la Famiglia e la Vita

37° Itinerario di fede per fidanzati
in preparazione alla vita e alla missione
nel Sacramento del matrimonio
(2019-20)

Centro Pastorale Seminario – Pordenone

LE DATE DEGLI INCONTRI

DOMENICA 27 OTTOBRE
DOMENICA 17 NOVEMBRE
DOMENICA 15 DICEMBRE (mattino-pomeriggio)
DOMENICA 12 GENNAIO
DOMENICA 23 FEBBRAIO
DOMENICA 29 MARZO (mattino-pomeriggio)
DOMENICA 19 APRILE
VENERDI 15 MAGGIO (ore 20.30, incontro dioce-
sano con il Vescovo)
DOMENICA 17 MAGGIO
DOMENICA 14 GIUGNO (mattino-pomeriggio)

Depliant fidanzati 2019-2020

2019/ Ago La comunione integrale

Papa Francesco: “La comunione integrale nella comunità dei credenti”
Un cuore davvero toccato dal Signore “è generoso con gli altri” e “aiuta i più deboli”.
Parlando a braccio, nel solco delle catechesi dedicate agli Atti degli Apostoli, il Pontefice ha precisato che un’autentica conversione non può limitarsi alle parole, perché c’è “un dinamismo di solidarietà che edifica la Chiesa come famiglia di Dio”, “dove risulta centrale l’esperienza della koinonia”, che vuol dire “mettere in comune”, “essere come una comunità, non isolati”. Pensando alle prime comunità cristiane, Papa Bergoglio ha rimarcato che quel modello di condi-visione resta attuale anche ai nostri giorni “per aiutarci a essere generosi e non tirchi”. “Essere membra del corpo di Cristo rende i credenti corresponsabili gli uni degli altri”: “i forti sostengono i deboli” e “nessuno sperimenta l’indigenza che umilia e sfigura la dignità uma-na”. Lo “Spirito di tenerezza del Signore”, ha proseguito Papa France-sco, nutre la solidarietà cristiana, la quale è l’espressione irrinunciabi-le della natura della Chiesa, madre tenerissima di tutti, specialmente dei più poveri”.

2019/ Ago 15 – Festa della Madonna della Pescheria

Nel cuore dell’estate la Chiesa celebra il 15 agosto una delle maggiori solennità mariane.
E’ la Pasqua di Maria che è stata assunta in anima e corpo in cielo accanto al suo Figlio Gesù che risorgendo ha spalancato le porte del paradiso.
Maria per prima ha meritato questo dono, noi siamo in attesa che ciò avvenga alla fine dei tempi, con la resurrezione dei nostri corpi.
È questa una grande verità che svela ad ognuno di noi quella vita oltre la morte che il Signore prepara nei “nuovi cieli e in terra nuova”.
La solennità dell’Assunta viene celebrata con particolare devozione e partecipazione di fedeli anche nella nostra parrocchia di S. Andrea in quel piccolo e delizioso oratorio detto “Della Pescheria”. Inizialmente era un piccolo sacello che i pescatori di Caorle, dopo concessione del podestà, hanno eretto nei pressi dei vecchi mulini lungo il Lemene che costituiva la via fluviale privilegiata per il trasporto di prodotti di ogni tipo e quindi anche della pescagione del mare a noi vicino.
Un semplice affresco murale che porta la data del 1627 dove viene raffigurata l’immagine della Madonna del Carmelo che presenta ai devoti lo scapolare segno di affidamento a Maria. Tale affresco murale è stato riscoperto e restaurato durante i lavori di ripristino dell’edicola nel 2002.
La tradizione che si rinnova di anno in anno il 15 agosto, richiama, fin dal mattino moltissimi fedeli che partecipano alla S. Messa mattutina riempiendo la grande piazza della Pescheria. Gente che proviene anche dai paesi limitrofi e che, puntuale, viene a pregare la Madonna della Pescheria.
Alla sera, la Festa Mariana coinvolge anche la vicina Concordia Sagittaria con il tradizionale arrivo delle imbarcazioni illuminate e colorate. E’ un momento di scambio di doni e di auguri tra sindaci e parroci delle due Città che ricordando la loro storia e vicinanza si ripropongono di accrescere collaborazione e stima reciproca.