2018/ 3 – 10 Giu – AVVISI DELLA SETTIMANA

MERCOLEDI 6 GIUGNO
ore 20.45 in oratorio Pio X si riunisce il Consiglio di Unità Pastorale.

DOMENICA 10 GIUGNO
Ore 10.00:
a Sant’Agnese, battesimo di Margherita.
Ore 11.00
in Duomo: battesimo di Raffaele e Ambra.

A San Giovanni:
matrimonio di Giacomo e Maria Francesca

 


Benedizione alle famiglie:
continua ín Via Arma di Cavalleria e Volpare.


MEMORIAL “Carolina Villa”MEMORIAL “Carolina Villa”
Oratorio Pio X: 4° Torneo Diocesano di Calcio a 7:
(sono aperte le iscrizioni: per informazioni e regolamento rivolgersi, in Oratorio Pio X

DOMENICA 24 GIUGNO 2018
GITA PELLEGRINAGGIO A
BARBANA
 Pullman, pranzo e battello compresi € 40,00
Adesioni entro 10 Giugno fino a esaurimento posti in sacrestia del Duomo
Programma:
h 7.30 partenza dall’Oratorio PIO X
h 9.30 imbarco a Grado
h 11.00 S. Messa animata dal coro NOINCANTO
h 12.30 pranzo alla casa del pellegrino
– rientro nel pomeriggio

IMPORTANTE: CAMBIO DELL’ORARIO DELLE SANTE MESSE IN DUOMO: avvisiamo sin d’ora che da domenica 6 maggio ci saranno le prime comunioni dei bambini del catechismo di quarta elementare. Non ci saranno le sante messe delle ore 10.30 e 11.30, ma un’unica messa alle ore 11.00. Dalla domenica 6 maggio QUESTO NUOVO ORARIO RIMARRÀ INVARIATO PER TUTTA L’ESTATE fino a settembre quando si ripartirà con l’Anno Pastorale (la data sarà comunicata a suo tempo)

2018/ 20 Apr Omaggio a don Tonino Bello

Chí è stato don Tonino Bello?
Un vescovo dalle scelte forti e coraggiose. Un prete, un parroco, un pastore scomodo. Monsignor Antonio Bello, per tutti “don Tonino” è stato un vescovo dalle scelte forti e coraggiose, ma profondamente innamorato di Gesù e della Chiesa. Sua l’espressione Chiesa del gtembiule, a testimoniare il dovere, la bellezza. di stare sempre dalla parte degli ultimi. Sempre sua la plastica immagine di convivialità delle differenze, definire lo stile del dialogo, fatto di ascolto e condivisione. Teologo e scrittore sensibilissimo, lo si ricorda anche per le bellissime pagine dedicate a Maria e per la forza con cui ha ribadíto più volte il proprio no alla guerra e alla corsa agli armamenti.

2018/ Apr ESORTAZIONE APOSTOLICA GAUDETE ET EXSULTATE

È stata presentata il 9 aprile l’esortazione apostolica in cui il Papa scrive di come si diventa santi (nella vita quotidiana). Non un “trattato” ma un invito a far risuonare nel mondo contemporaneo una vocazione universale, la chia-
mata a diventare santi. È questo l’obiettivo dichiarato di Papa Francesco per l’Esortazione apostolica Gaudete et exsultate. Si diventa santi vivendo le Beatitudini, la strada maestra perché “controcorrente” rispetto alla direzione del mondo. Si diventa santi tutti, perché la Chiesa ha sempre insegnato che è una chiamata universale e possibile a chiunque, lo dimostrano i molti santi “della porta accanto”. La vita della santità è poi strettamente connessa alla vita della misericordia, “la chiave del cielo”. Dunque, santo è chi sa commuoversi e muoversi per aiutare i miseri e sanare le miserie. Chi rifugge dalle “elucubrazioni” di vecchie eresie sempre attuali e chi, oltre al resto, in un mondo “accelerato” e aggressivo “è capace di vivere con gioia e senso dell’umorismo”. il titolo “Gaudete et exsultate”, “Rallegratevi ed esultate”, ripete le parole che Gesù rivolge “a coloro che sono perseguitati o umiliati per causa sua”, alla Chiesa prossima alla “carne di Cristo sofferente”. I 177 paragrafi sono un modo per “far risuonare ancora una volta la chiamata alla santità”, indicando “i suoi rischi, le sue sfide, le sue opportunità” (n. 2).

Esortazione ap. Gaudete et Exsultate documento in PDF